ho danzato

Ho danzato.
Col fuoco.
Su musica immaginaria.

In totale solitudine, al crepuscolo.
Con una Milano vitrea alle spalle.
Coi miei tempi ho acceso prima una, poi due, poi tre, poi di nuovo due, punte alla volta.

E li tenevo in mano e fluivo con loro.

Nessun pubblico, nessuna maschera.
Nessuna platea a incitare nè giudicare.
Se lo strumento ha personalità , non serve travestirsi.
Se lo strumento ha personalità, inizi a sentirlo dentro come un pugno nello stomaco.

E poi, è iniziato il dialogo…

(14 Sept, 2015. Milan)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: